Home

I servizi educativi e la scuola

Le educatrici e le insegnanti dell’Unione di Comuni Vadarno e Valdisieve, stanno mantenendo i contatti con le bambine e i bambini dei loro servizi/scuole, tramite Whatsapp, la pagina C.I.A.F. del Comune di Rufila su Facebook o il sito del comune di Pontassieve.

Il progetto educativo 0-6 non è realizzabile stando distanti perché ha bisogno di contatto fisico, di sguardi e abbracci, di esperienze reali ma una canzone può rievocare un ricordo, un video – libro può esprimere interesse, attenzione, desiderio di mantenere vivo un legame e un dialogo con i bambini, le bambine, e le loro famiglie.

I laboratori e le esperienze proposte hanno sempre una valenza pedagogica – educativa, non sono lavoretti o compiti da fare a casa ma intendono porre l’attenzione sui processi e sull’ apprendimento attraverso il fare e la scoperta. In un momento così difficile, come quello attuale, educatrici ed insegnanti intendono continuare a coltivare buone pratiche educative e l’idea di un bambino/bambina competente, che impara giocando, capace di affrontare anche situazioni difficili.

Scopri il nostro canale YouTube

Questo sito aderisce all’iniziativa della Regione Toscana
L’educazione da zero a sei anni non si ferma

Altre risorse “#Restoacasaenonmiannoio” e “Leggere forte

Progetto Educativo Zonale e la scuola

I laboratori

Gli operatori del Pez Educazione e Scuola dell’Unione di Comuni Valdarno e Valdisieve” sono singoli operatori, Associazioni, Cooperative che con competenze diverse realizzano laboratori creativi di prevenzione del disagio, di sostegno alla disabilità e interventi di accoglienza per ragazzi stranieri.
Molte classi quest’anno hanno iniziato i laboratori…che purtroppo non sono terminati, ma non vogliamo lasciare il lavoro a metà.

Lo sportello psicologico

Lo sportello psicologico, presente gratuitamente nelle scuole di primo e secondo grado del territorio, ha come obiettivo il benessere degli individui e permette ai ragazzi/e, genitori e insegnanti di trovare uno spazio riservato dove poter parlare delle proprie problematiche relative alla scuola ed al proprio benessere psicologico.

Centro Interculturale

Dal mese di marzo 2020 con le scuole chiuse anche il Progetto Accoglienza è stato rimodulato per garantire a tutti gli alunni di poter continuare il loro percorso di apprendimento dell’italiano tramite la didattica a distanza.